I feedback dei Kenakers.

Giordania

Organizzazione molto buona, il corrispondente locale teneva sotto controllo tutto sentendo il driver ogni giorno, le indicazioni e i timing erano precisi, le visite ben calibrate (ai limiti della resistenza fisica), il driver ufficiale che ci ha portato in giro era una persona anche molto piacevole e divertente (ufficiale perché ogni tanto veniva sostituito da un altro autista, che però svolgeva un buon lavoro anche lui) gli alberghi rispettavano le stelle, anzi a Gerusalemme ci hanno fatto upgrade a un 4 stelle. Direi ottimo tour.

Giordania
Giulio
****

Norvegia

Ciao Anna! Ciao Cristina!

E’ stato un piacere sentirti e ricordare il viaggio in Norvegia, in questi giorni l’ho ripercorso tutto 🙂
Per descriverlo, una parola: emozione. E’ cominciata da subito durante il viaggio in aereo quando Simone, il fotografo che ci ha accompagnato, ci ha fatto scorgere un’aurora boreale dal finestrino. L’emozione è poi esplosa la prima sera di “caccia alle aurore”; la notte ci ha regalato un paesaggio che non dimenticheremo mai, sdraiati su un lago ghiacciato: un cielo infiammato di aurore verdi e rosa, che all’improvviso hanno cominciato a danzare!
Dopo esserci riempiti gli occhi, abbiamo cenato intorno al falò e la guida locale ci ha fatto scoprire come nasce questo fenomeno meraviglioso.
L’esperienza non sono state solo le escursioni notturne, ma anche e soprattutto le attività organizzate durante il giorno: dall’escursione in catamarano  con una buonissima zuppa di pesce cucinata a bordo dal capitano, la visita all’allevamento delle renne (che si avvicinano e ci “corteggiavano” per avere da mangiare), alla corsa con i cani da slitta in un paesaggio intatto e fiabesco (la nostra preferita!) e infine l’escursione nei fiordi alla scoperta dei paesaggi più belli.
L’organizzazione è stata perfetta, sia per l’accompagnatore che per le varie attività che hanno reso indimenticabili i 5 giorni in Norvegia, abbiamo apprezzato molto gli spostamenti in minibus con una guida locale che ci ha svelato racconti e segreti delle zone visitate e irrinunciabile il loro supporto per l’esperienza nell’interpretare il cielo e spostarsi velocemente dove avremmo avuto più possibilità di vedere le aurore boreali.

Grazie per questo sogno!

Vi mando qualche foto e ci sentiamo per il prossimo viaggio.

Norvegia
Giulia & Fabio
*****

Fuerteventura e Lanzarote

I nostri racconti

A novembre quando ancora mi trovavo in Nuova Caledonia per un viaggio personale  ricevo un whatsapp dalla mia amica Elisa che mi propone di prenotare   un volo per Fuerteventura a gennaio, periodo 3 settimane. Quindi, trovandomi ancora dall’altro capo del mondo, comincio a realizzare che presto mi sarei  diretta verso un’altra e nuova destinazione che non mi aveva mai attirato perche’ troppo poco esotica a mio parere.

Le Canarie non le avevo mai considerate, sempre e solo vendute dalla mia bella scrivania in agenzia di viaggio, sinceramente non mi ispiravano, non potevo immaginare che a distanza di poco tempo me ne sarei follemente innamorata.

Le Canarie sono dei puntini buttati in mezzo all’oceano Atlantico territorialmente più vicine al Marocco che alla Spagna, hanno un clima fantastico 12 mesi l’anno, ma soprattutto si raggiungono dall’Italia con 4 ore di volo .

Non avrei davvero mai immaginato che trovarmi a Fuerteventura a gennaio con luce fino alle 20.00 e sole tutto il giorno mi avrebbe fatto dimenticare che a Milano continuava l’inverno, sì perchè mentre di giorno giri in pantaloncini infradito e maglietta la sera aggiungi una felpa .

Fuerteventura è l’isola più selvaggia di tutto l’arcipelago, quella meno costruita, quella con le spiagge bianche, le dune di sabbia  ed i colori del mare che ricordano i Caraibi, un’oasi di pace e calma, di sport e di movida serale se va di fare un po di “fiesta” a Corralejo, la meta dei kiters e dei surfisti.

L’entroterra è bellissimo puntellato di montagne, palme, radure, mulini a vento e cittadine dormienti che offrono qualche ristorantino tipico e negozi di artigianato locale.

Noleggiare un’auto è un’ottima  soluzione per visitare l’isola in lungo e in largo, ma soprattutto economica, infatti le tariffe sono veramente vantaggiose, ma tutto è a buon mercato alle Canarie dai ristoranti agli aperitivi, alla spesa al supermercato.. e i pomodori sanno di veri pomodori, me lo ripetevo ogni volta che li mangiavo! Il clima pulito dato dal vento permette di avere frutta e verdura locale che arriva da un’isola che si chiama Hierro, anch’essa di origine vulcanica .

Da Fuerteventura si può raggiungere con solo 30 minuti di traghetto la verde, vulcanica e nera Lanzarote, isola completamente diversa dalla sua vicina ma altrettanto bella e ricca di spiagge; le cittadine con le tipiche case bianche dalle porte verdi sono dei gioiellini incastonati nella natura. 

La cucina delle Canarie può essere considerata la più cosmopolita e ricca della Spagna e non mancano le tapas con accompagnamento di abbonante salsa aioli distesa su pane croccante .

Le isole Canarie ad un passo da noi sono il più valido e vicino posto esotico in Europa, mi sono ricreduta e sto facendo il conto alla rovescia per ritornarci il prima possibile tanto che ho appena fatto il passaporto anche al mio gatto!

Fuerteventura e Lanzarote
Le Canarie di Alessandra

E tu?

Non hai ancora trovato quello che cerchi?
Raccontaci in breve la tua idea di viaggio, che sia al mare, in montagna, in barca, zaino in spalla o una piccola fuga fuori città, ti guideremo noi!

Scrivici e verrai ricontattato al più presto.